NOTE! This site uses cookies

This site uses cookies to provide services in line with your preferences. By closing this banner, scrolling this page or click any element thereof consent to the use of cookies. Learn more

I understand

Dominutti Franco

Nato a Udine nel 1947, compie gli studi musicali presso il Conservatorio “J.Tomadini” frequentando prima la Scuola di Organo e Composizione Organistica e poi quella di Composizione conseguendone i relativi diplomi. Allo stesso tempo consegue il diploma di Musica corale e Direzione di coro presso il Conservatorio “B. Marcello” di Venezia e inizia contemporaneamente l’attività di Direttore di coro, proseguita per quasi trent’anni, e quella di compositore con lavori da camera che ottengono successo di pubblico e critica e che vengono radiotrasmessi. Ben quattro volte finalista al Concorso Internazionale di Composizione “G.B.Viotti” di Vercelli, risulta vincitore assoluto del Concorso Internazionale di Composizione Sinfonica “Città di Trieste” nel 1979 con il Magnificat per violino solo, voce recitante, coro e orchestra edito da Sonzogno. Di questa composizione fa parte anche il Ricercare per violino solo edito, separatamente, dalle stesse Edizioni Sonzogno.

Fra le sue prime composizioni si segnalano le Tre impressioni per flauto e pianoforte, Specchi per flauto e nastro magnetico e Melos per flauto, clarinetto e fagotto, edite da A. Leduc di Parigi. Tra le ultime composizioni vanno ricordate tre composizioni per coro a cappella: Canto ultimo su versi del poeta friulano P. David Maria Turoldo, Lectio Jeremiae Prophetae per le vittime di Sarajevo e Requiem aeternam per coro misto a 8 voci, nonché Abschiedslied per orchestra d’archi, Epicedio per chitarra, Due pezzi per fagotto solo, Poliphonia per flauto, clarinetto e fagotto e Chakras per flauto in sol e chitarra. Queste ultime composizioni sono tutte edite da Pizzicato. È docente di Armonia e Contrappunto presso il Conservatorio di Musica “G.Tartini” di Trieste.