NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

a cura del Prof. David Giovanni Leonardi (docente di Storia ed Estetica Musicale)

 

30 maggio 2019

Concerto per la Festa della Repubblica domenica al Teatro Nuovo con l'Orchestra di Fiati del Conservatorio di Udine


Il tradizionale concerto che il Conservatorio “J. Tomadini” di Udine dedica alla Festa della Repubblica si è da tempo trasformato in uno degli eventi istituzionali e artistici di maggior rilievo nell'ambito delle articolate attività dell'istituto musicale cittadino.
Domenica pomeriggio 2 giugno, con inizio alle ore 18.30, la Prefettura di Udine in collaborazione con Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e Comune di Udine, presenta il “Concerto per la Festa della Repubblica”, protagonista come nell'edizione 2018 l'Orchestra di Fiati del Conservatorio di Udine diretta da Marco Somadossi, didatta, compositore, arrangiatore e ricercatore del repertorio storico per strumenti a fiato.
Particolare importanza rivestirà quest'anno la collaborazione con le fanfare della Brigata Alpina “Julia”, Brigata di Cavalleria “Pozzuolo del Friuli” e 11° Reggimento Bersaglieri, i cui elementi si affiancheranno agli oltre cinquanta docenti e studenti del “Tomadini” impegnati nell'interpretazione di un repertorio come di consueto articolato e coinvolgente.
Il programma ufficiale della manifestazione, solennemente introdotto da Il canto degli italiani, Inno nazionale di Mameli-Novaro, si aprirà con Giocondità di Giulio Andrea Marchesini per proseguire con pagine del repertorio classico, militare e della musica per Film: movimento conclusivo della Sinfonia n. 5 di Dmitrij Šostakovič, «Preludio» da Attila di Giuseppe Verdi, Roma e Venezia, Gran polka nazionale di Michele Novaro, To the Moon di Marco Somadossi, «Love Theme» da Nuovo cinema paradiso di Ennio Morricone e Danzón N. 2 di Arturo Márquez. Tra gli arrangiatori delle pagine proposte spiccano il docente e direttore Marco Somadossi e il sergente Cosimo Taurisano della Brigata di Cavalleria “Pozzuolo del Friuli”, studente a Udine della Scuola di strumentazione e composizione per orchestra di fiati.
Il concerto, a libero ingresso fino a esaurimento posti previo ritiro del biglietto presso la biglietteria del Teatro Nuovo, si avvale altresì della collaborazione di Esercito Italiano, Associazione Nazionale Alpini-Sezione di Udine e Teatro Nuovo “Giovanni da Udine”. 

 

 

 

23 maggio 2019

Le quattro stagioni, il capolavoro strumentale di Antonio Vivaldi a Fontanafredda e Illegio

La scuola di Musica d'insieme per strumenti ad arco del Conservatorio di Udine, docente e maestro concertatore Alberto Battiston, ripropone anche quest'anno il capolavoro strumentale di Antonio Vivaldi, i quattro concerti per violino, archi e basso continuo Le quattro stagioni, in una nuova produzione curata con la collaborazione del docente di violino Daniele Brancaleoni e in sinergia con il Conservatorio “G. Tartini” di Trieste.
I concerti si terranno dopodomani, 25 maggio alle ore 18.30, presso la Chiesa della B. V. del Rosario a Romano di Fontanafredda (PN) e il giorno successivo, domenica 26 maggio alle ore 17.00 presso la Pieve di S. Floriano a Illegio di Tolmezzo (UD).
Tre delle quattro musiciste impegnate nell'interpretazione del ruolo di violino solista, Mina Opsenica, Kloudennas Qerinaj e Giada Visentin, provengono dal Conservatorio di Trieste mentre Nadežda Perović frequenta il biennio superiore al “Tomadini”, all'insegna di un confronto quanto mai stimolante tra le scuole violinistiche dei due conservatori regionali e l'approccio interpretativo italiano e dell'Est Europa: Albania, Montenegro e Serbia.
Il progetto conclude il cartellone di maggio dei “Concerti e Conferenze del Conservatorio di Udine”, realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Udine e Fondazione Friuli.

 

 

21 maggio 2019

LeonArdo GiocOnda, il nuovo “Progetto Opera” del Conservatorio “Tomadini” e dell'Istituto Comprensivo 2 di Udine

Con la tradizionale recita dedicata agli studenti delle scuole primarie e secondarie cittadine, prenderà avvio dopodomani, giovedì 23 maggio alle ore 10.30 presso l'Auditorium “Zanon” di Udine il “Progetto Opera 2018-2019”, lavoro teatrale multimediale che da quasi vent'anni, ininterrottamente, suggella la collaborazione del Conservatorio di Udine con le sezioni convenzionate dell'Istituto Comprensivo 2 – Scuola Media “P. Valussi”. Le due recite aperte al pubblico avranno luogo il giorno stesso, 23 maggio alle ore 18.00 e il giorno successivo, venerdì 24 maggio; prevista per la mattinata di martedì 28 maggio un'ulteriore replica a S. Giorgio di Nogaro, dedicata alle scuole del territorio in collaborazione con il locale C.E.Di.M. Centro di educazione e divulgazione musicale.
Laboratorio teatrale, coreutico, corale, strumentale, registico e letterario che coinvolge come ogni anno circa centoquaranta studenti, LeonArdo GiocOnda è un viaggio nella mente e nel mondo di Leonardo da Vinci e nella parte di Leonardo che è in noi, brain storming che riflette sugli aspetti esistenziali della vita di un genio nel rapporto con la quotidianità e con l'intreccio di contatti e sguardi che tutto unisce.
Musiche scritte dai docenti del Conservatorio di Udine Andrea Chini, Walter Themel e Virginio Zoccatelli, regia di Nicoletta Oscuro ed Elisabetta Spagnol, consulenza musicale di Walter Themel, direttore del coro Andrea Chini, maestro concertatore e direttore Beppino Delle Vedove.
Il progetto è inserito nel cartellone di maggio dei “Concerti e Conferenze del Conservatorio di Udine”, realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Udine e Fondazione Friuli.