NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

a cura del Prof. David Giovanni Leonardi (docente di Storia ed Estetica Musicale)

 

10 ottobre 2018

Il ciclo di otto appuntamenti dedicati ai “Concerti degli Studenti del Conservatorio di Udine”

L’anno accademico 2017-2018 del Conservatorio Statale di Musica “Jacopo Tomadini” di Udine si avvia al termine delle attività didattiche e di produzione artistica con la programmazione del tradizionale ciclo di concerti dedicati agli studenti, articolandosi per il terzo anno consecutivo in un percorso di otto appuntamenti pomeridiani. Sintesi delle migliori interpretazioni selezionate da apposite commissioni nell’ambito delle discipline strumentali e vocali, solistiche e d’assieme, il cartellone presenta quest'anno tre importanti novità, la programmazione in otto giornate feriali consecutive, la presenza di studenti dei corsi pre-accademici e del biennio specialistico superiore e, infine, l'inedita ambientazione di cinque appuntamenti nel pregevole Teatro del Centro Culturale delle Grazie, sito in via Pracchiuso 21 a Udine, auditorium nel quale è in corso di svolgimento la parallela stagione dei “Concerti dei Docenti”.
La programmazione dei “Concerti degli Studenti”, dei quali si trasmette calendario completo, si avvale come di consueto del prezioso sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Udine e Fondazione Friuli.

Venerdì 12 ottobre - ore 18
Conservatorio di Udine – Sala Vivaldi
Elisa Tullio, violino
Francesca Bertoli – Sara Brusaferro – Lucia Zavagna, pianoforte
Sonia Crisante, arpa
Andrea Nassivera, fisarmonica
Musiche di Bach, Chopin, Debussy, Derbenko, Godefroid, Precz, Ravel, Tournier

Sabato 13 ottobre - ore 18
Conservatorio di Udine – Sala Udienze
Elena Fabris – Lorenzo Rupil, organo
Chiara Boschian Cuch, flauto
Eduardo Cervera Osorio, chitarra
Lisa Fabro, violoncello
Alice Fabro, pianoforte
Musiche di Bach, Ernst/Bach, Brouwer, Fabro, Franck, Françaix, Muffat

Lunedì 15 ottobre - ore 18
Teatro del Centro Culturale delle Grazie - Udine
Alessandro Del Gobbo – Matteo Di Bella, pianoforte
Giulio Molinaro – Luca Maria Trevisan, tromba
Alessandra Rodaro, corno
Alberto Valiera, trombone
Valerio Zannio, basso tuba
Musiche di Clarcke, Gabrieli, Liszt, Morricone, Piovani, Puccini, Purcell, Ravel, Verdi

Martedì 16 ottobre - ore 18
Teatro del Centro Culturale delle Grazie – Udine
Nina Havelkova, chitarra
Chiara Boschian Cuch, flauto
Giacomo Cozzi – Giulia Santarossa, clarinetto
Riccardo Burato – Alberto Nocera, pianoforte
Delia Stabile – Alessandra Tessaro, soprano
Roberto Brandolisio – Ferdinando Mussutto, pianoforte (collaboratore esterno)
Musiche di Debussy, Donizetti, Dutilleux, Poulenc, Spohr, Torroba, Verdi

Mercoledì 17 ottobre - ore 18
Teatro del Centro Culturale delle Grazie – Udine
Francesca D'Odorico – Diego Vrech, pianoforte
Tiziana Luca, clarinetto
Benedetta Monetti – Elisa Tullio – Alessio Venier, violino
Arianna Ciommiento, viola
Irene Francois, viola (collaboratore esterno)
Antonio Merici, violoncello (collaboratore esterno)
Musiche di Beethoven, Brahms, Schumann, Stravinskij, Zelter

Giovedì 18 ottobre - ore 18
Teatro del Centro Culturale delle Grazie – Udine
Eva Miola, violino
Arianna Ciommiento, viola
Leonardo Gasparotto, clarinetto
Maria Cecilia Bassani – Riccardo Burato – Lorenzo Ritacco, pianoforte
Musiche di Bach, Beethoven, de Falla, Khačaturjan, Rolla

Venerdì 19 ottobre - ore 18
Teatro del Centro Culturale delle Grazie – Udine
Emiliano Guerra, violino
Francesca D'Odorico – Federica Floreancig – Francesca Pagliaro, flauto
Luca Bidoli – Antonella Burci, clarinetto
Gaja Pellizzari – Federica Romanin, soprano
Felice Di Paolo, Glockenspiel, marimba
Fabio De Cecco – Simone Grassi, marimba, tom-tom, xylofono
Eugenio Almacolle, piatti, tam-tam, gong cinesi, xylofono
Matteo Di Bella – Lorenzo Ritacco, pianoforte
Matteo Londero, pianoforte (collaboratore interno)
Daniele Boidi – Luciano Boidi, pianoforte (collaboratore esterno)
Musiche di Chaminade, Di Paolo, Doppler, Fibich, Joplin, Messiaen, Mozart, Prokof'ev, Rossini

Sabato 20 ottobre - ore 18
Conservatorio di Udine – Sala Vivaldi
Giulio Greci – Eva Miola – Saroja Maria Rossi, violino
Aleš Lavrenčič, violino (collaboratore esterno)
Lucia Zazzaro, viola (collaboratore esterno)
Anna Molaro, violoncello (collaboratore esterno)
Nicolò Cortesia, saxofono
Eleonora Petri, soprano
Dong Fei, tenore
Ilaria Covazzi – Matteo Di Bella – Lorenzo Ritacco, pianoforte
Matteo Londero, pianoforte (collaboratore interno)
Mattia Fusi – Ferdinando Mussutto, pianoforte (collaboratore esterno)
Musiche di Acito, Iturralde, Milhaud, Mozart, Sibelius, Tosti

2 ottobre 2018

L'ottobre concertistico del Conservatorio “Tomadini” di Udine

Il Conservatorio Statale di Musica “Jacopo Tomadini” di Udine ha anticipato, con il concerto per viola e pianoforte tenuto sabato 22 settembre dai docenti Lorenzo Bertoldi e Franca Bertoli, un ottobre musicale senza precedenti quanto a ricchezza e articolazione delle proposte artistiche; si intersecheranno infatti nel corso dell'intero mese due stagioni musicali, la prosecuzione dei “Concerti dei Docenti” iniziati nel marzo scorso con Omaggio a Debussy del pianista e docente Giovanni Baffero e il nuovo cartellone dedicato ai “Concerti degli Studenti”.
La Stagione Concertistica dei Docenti del Conservatorio di Udine e il palcoscenico del cittadino Teatro del Centro Culturale delle Grazie, sito in via Pracchiuso 21, vedranno protagonista, sabato 6 e sabato 27 ottobre, Claude Debussy e Giovanni Baffero con gli ultimi due appuntamenti dedicati all'esecuzione integrale delle opere per pianoforte; ancora nel nome del compositore francese il concerto di lunedì 8 ottobre, comprendente pagine cameristiche con arpa di raro ascolto quali Chansons de Bilitis, proposte da un assieme strumentale con voce recitante formato da cinque docenti e tre studenti. Completeranno la programmazione Pagine dai tempi e dalle tragedie della prima guerra mondiale, sei docenti interpreti di importanti composizioni cameristiche di Reger e Šostakovič in programma lunedì 22 ottobre; a seguire, giovedì 25, un recital fisarmonicistico di Adolfo Del Cont e, infine, lunedì 29, ottobre Intorno a Debussy, ancora tre docenti e musiche per strumenti a fiato e pianoforte del Novecento francese. Tutti i concerti avranno inizio alle ore 21.
Prenderà altresì avvio presso la sala “Vivaldi” del Conservatorio, venerdì 12 ottobre alle ore 18, la rassegna concertistica annuale in otto appuntamenti Concerti degli Studenti del Conservatorio di Udine, che proseguirà il giorno successivo, sabato 13 ottobre sempre alle ore 18 presso la sala “Udienze”. A partire da lunedì 15 ottobre, ogni giorno fino a venerdì 19, sempre con inizio alle ore 18, sarà invece il Teatro del Centro Culturale delle Grazie il palcoscenico di ulteriori cinque concerti della stagione dedicata agli studenti, che vedrà la sua conclusione in sede, sala “Vivaldi”, sabato 20 ottobre alle ore 18. Cartellone avvincente e serrato, coinvolge, come da consolidata tradizione, oltre settanta studenti, cantanti, strumentisti compositori, interpreti di altrettante pagine dei maggiori compositori dal Barocco all'età contemporanea.
Il Conservatorio di Udine intende infine sottolineare l'alto profilo culturale del progetto dedicato a Claude Debussy nel centenario della scomparsa e il suo carattere di unicità se considerato nell'ambito della programmazione di grandi società concertistiche italiane e dell'attività dei conservatori italiani, avendo proposto un'esecuzione integrale dei lavori pianistici nell'interpretazione di Giovanni Baffero, la doppia esecuzione in serata unica di Préludes ad opera di Giovanni Baffero e Luca Trabucco e numerosi concerti dedicati alle sue pagine cameristiche.

29 settembre 2018

La musica del Tomadini sbarca in Armenia e Georgia. Presentato il progetto internazionale del Conservatorio "Tomadini" nato grazie alla Convenzione con la Fondazione Friuli

Il Friuli e la sua musica ai confini dell'Europa. Un importante contributo della Fondazione Friuli e della Regione consentirà a studenti e docenti del conservatorio “Jacopo Tomadini” di Udine di portare l'eccellenza della musica italiana nelle città di Yerevan e Tbilisi. «Quattro concerti in sale straordinarie e moltissime ore di lezioni e conferenze: un'occasione unica per i nostri studenti di fare un'esperienza di studio e di produzione internazionale. È un'opportunità eccezionale per far conoscere il nostro conservatorio e il nostro territorio nel mondo.» Così il Direttore del Tomadini, Mo. Virginio Zoccatelli, descrive il progetto che vedrà coinvolti in compartecipazione i conservatori di Yerevan e Tbilisi. E continua: «Abbiamo impostato il viaggio in modo che la musica sia centro ed occasione di un proficuo scambio artistico, umano e culturale tra i nostri studenti e docenti e quelli delle istituzioni dei paesi ospitanti. Tutto il conservatorio di Udine ha collaborato alla definizione di questo progetto e alla sua realizzazione. Condivideremo poi l'esperienza con un documentario, una testimonianza del Friuli e della sua musica nel mondo. Ciò non sarebbe stato possibile senza il contributo della Fondazione Friuli, che da subito ha mostrato un'attenzione particolare al nostro progetto e ci ha permesso di concretizzarlo.»
Diciannove gli studenti in viaggio e con loro dieci docenti. Porteranno in Armenia e Georgia anche trascrizioni e nuove composizioni ad opera di molti dei loro compagni compositori. Tra i docenti coinvolti Glauco Venier, orgoglio udinese della scena jazz internazionale, il sassofonista Alfonso Deidda, i docenti di canto lirico Paoletta Marrocu ed Emanuele Giannino, l'oboista Sandro Caldini e i compositori Mario Pagotto e Giovanni Albini, quest'ultimo delegato alle relazioni del Tomadini e coordinatore del progetto. «Ogni concerto vedrà la collaborazione di studenti e docenti delle istituzioni coinvolte», precisa Albini, «l'idea è quella di fare musica insieme, senza confini». Marco Somadossi, docente di strumentazione per banda presso il nostro Istituto, dirigerà gli ensemble. E il docente di tecniche della ripresa e della registrazione audio del Tomadini Andrea Carli, fidato collaboratore di Riccardo Muti e Keith Jarrett, coordinerà le riprese e la documentazione sonora.
Il progetto nasce grazie ad una Convenzione che è stata sottoscritta tra il Conservatorio di Udine e la Fondazione Friuli il 24 settembre di quest’anno, che aveva proprio lo scopo promuovere l’internazionalizzazione dell’attività degli studenti e dei docenti.
La Georgia e l'Armenia negli ultimi anni si stanno sempre più affacciando sulla scena europea, favorendo scambi culturali e commerciali e inserendosi passo a passo nelle dinamiche europee. Con il suo progetto il conservatorio di Udine si inserisce in questo processo, garantendo un posto in prima fila al Friuli ai confini dell'Europa.