Cerca un docente:

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Elenco docenti

Rosato Giampietro

Clavicembalo, Organo e composizione organistica
image

Diplomato in organo, pianoforte e clavicembalo, ha approfondito lo studio della prassi esecutiva antica presso la Hochschule für Musik di Trossingen (Germania) conseguendo nel 1996 le lauree con il massimo dei voti in "Organo storico" e in Cembalo.
Contemporaneamente ha frequentato corsi di specializzazione con Michael Radulescu, Andreas Staier, Gustav Leonhardt, Luigi Ferdinando Tagliavini, Jean-Claude Zehnder e Eckart Sellheim (fortepiano).
Più volte premiato in concorsi nazionali ed internazionali di organo e pianoforte (Noale, 1987; Osimo, 1987; Lucinico, 1988; Stresa, 1988), ha conseguito il 2° premio al concorso clavicembalistico nazionale di Bologna (1993), il 4° premio (1° e 2° non assegnati) nonché "Premio del pubblico" al concorso clavicembalistico internazionale di Bruges (1995), il 3° premio (1° e 2° non assegnati) e "Premio speciale" della radio MDR al concorso internazionale "Johann Sebastian Bach" di Lipsia (1996) e il 1° premio al concorso clavicembalistico internazionale indetto dalla radio tedesca ADR-NDR di Amburgo (1997).
Klavierfestival-Ruhr, "Festival clavicembalistico internazionale" (Milano), "Historischer Sommersaal" (Bach Museum, Lipsia), Händel-Haus (Halle), Teatro Nuovo (Verona), "Settembre Barocco" (Padova), "Festival Antegnati" (Brescia), "Festival Organistico Internazionale (Treviso), Teatro Bibiena (Mantova) sono solo alcuni dei festival e sale da concerto in cui è stato invitato a esibirsi in qualità di solista, proponendo un repertorio che spazia dalla musica antica a tutto il ‘900. Le sue registrazioni radiofoniche e televisive (da parte delle radio tedesche SWF, MDR, NDR e Bayerische Rundfunk, della televisione tedesca NDR3 e della radio austriaca ORF) sono state trasmesse in tutta Europa.
Dal 1997 collabora stabilmente con l’Ensemble barocco "Sonatori de la Gioiosa Marca", con il quale affronta spesso esecuzioni di concerti solistici e numerose sono le collaborazioni con solisti e gruppi cameristici di fama internazionale (Dorothee Oberlinger, Sol Gabetta, Silvia Frigato...).
Ha curato per la casa editrice Armelin di Padova l’edizione moderna della "Sonata per Violino e Organo" di Oreste Ravanello e prossimamente saranno editi i "6 Concerti per clavicembalo e orchestra" di B. Galuppi.
È docente titolare della classe di Organo e Composizione organistica presso il Conservatorio di Udine.

Roselli Eros

Chitarra
image

Eros Roselli è nato a Senigallia. Ha portato a termine gli studi di chitarra sotto la guida del m° Ruggero Chiesa e si è diplomato come privatista con il massimo dei voti al Conservatorio di Brescia. Ha quindi seguito i Corsi di perfezionamento tenuti da Angelo Gilardino, Eliot Fisk, Manuel Barrueco e David Russell.
Ha partecipato a numerosi concorsi, ottenendo premi e riconoscimenti ufficiali al Concorso Nazionale "Il Concertista" di Taranto, al Concorso Nazionale di Savona, al Concorso Internazionale "F.Sor" di Roma, al Festival Internazionale di musica del XX secolo di Lagonegro, al Premio Internacional "Sua Altezza Real la Infanta Doña Cristina” di Madrid e al Concurso Internacional "Maria Canals" di Barcellona.
Dal 1985 svolge attività concertistica come solista e in formazioni da camera, affrontando un repertorio che va dal Rinascimento ai giorni nostri. Ha suonato per importanti istituzioni e rassegne concertistiche in Italia e all'estero. Sue esecuzioni sono state trasmesse dalla RAI, dalla BBC, dalla Radio Nacional Española, da Classic New York (WSHU) e da Australia’s National Classical Music Network. Dal 2006 lavora con il Trio del Garda (con Mauro Scappini al flauto e Bruno Righetti al clarinetto) svolgendo un'intensa attività concertistica e discografica.
Ha realizzato nel 1994, per l'etichetta discografica Nuova Era, un compact disc ("Mauro Giuliani: chamber works with guitar") contenente l'integrale dei quintetti per chitarra e archi di Mauro Giuliani. Quindi un CD con opere di Vivaldi per chitarra e archi pubblicato da Azzurra Music. Con la stessa etichetta è uscito un compact disc dedicato alle composizioni per chitarra sola di Niccolò Paganini. Per l’etichetta inglese ASV Quicksilva ha registrato le Serenate per flauto clarinetto e chitarra di Anton Diabelli e per un’altra etichetta britannica (la SOMM Recordings) un CD dedicato agli studi per chitarra di Fernando Sor. Nel 2002 è uscito, per Maxima Harmonia, un disco intitolato "Johann Sebastian Bach: Variazioni per chitarra". Nel 2006 Brilliant Classics ha pubblicato un doppio CD con i quintetti per chitarra e archi di Luigi Boccherini. Nel 2015 ha inciso opere di Ponce per chitarra per IMD Music & Web. Il CD con gli studi per chitarra di Sor è così recensito da American Record Guide: “superb Italian guitarist Eros Roselli is a first-rate musician and he offers probing interpretations of even the most unassuming miniatures, employing his supple sense of phrasing, pristine articulation, and full tone to remarkably satisfying effect”.
Musicista dai molteplici interessi, ha pubblicato revisioni e trascrizioni per chitarra per la Casa editrice Sinfonica. Nel 2005 ha iniziato un'attività compositiva che l'ha portato a scrivere musica per diverse formazioni con chitarra e per altri organici cameristici, pubblicata dalle Edizioni Sconfinarte e da Lantro Music. Nell''84 si è laureato in sociologia all'Università di Trento con una tesi sulla musica contemporanea avente per oggetto il rapporto fra musica e comunicazione, nel confronto fra musicisti e teorici legati all’avanguardia e alcuni compositori “neoromantici”. Vincitore del Concorso Nazionale a Cattedra nei Conservatori del 1994, ha insegnato chitarra nei Conservatori Statali di Musica di Rodi Garganico, Adria e Mantova. In quest'ultima sede, nel triennio 2010 - 2013, ha ricoperto anche il ruolo di Direttore. Attualmente è docente di chitarra presso il Conservatorio Statale "J. Tomadini" di Udine. Fa parte dell'Albo degli esperti per la valutazione del sistema AFAM (sezione Musica) dell'agenzia ANVUR. È stato presidente del Nucleo di valutazione dell'ISSM Puccini di Gallarate. Ha fatto parte del comitato consultivo Insegnamenti musicologici della Società Italiana di Musicologia. Grazie all'esperienza maturata in diversi incarichi, nel 2015 ha scritto per Armando editore un libro ("Uscire dal ghetto?") dedicato alla riforma dei Conservatori di musica. Nel 2018 ha pubblicato un secondo volume intitolato "Musica e Conservatori" che fa seguito al testo uscito nel 2015. Nel 2020, a cura della casa editrice Progetti sonori, è uscito un suo Metodo di base per chitarra classica.

Serafini Fabio

Contrabbasso

Sivilotti Valter

Accompagnamento pianistico

Somadossi Marco

Strumentazione per Banda
image

Marco Somadossi nasce a Rovereto nel 1968. Dopo gli studi musicali presso il Conservatorio F. A. Bonporti di Trento dove si diploma in Trombone, in Strumentazione per Banda e laurea in Direzione e Composizione per Orchestra di fiati con il massimo dei voti e la lode, si dedica ad un’intensa attività artistica sia come strumentista, che come direttore e compositore che lo porta a lavorare in tutta Italia, Europa (Austria, Svizzera, Germania, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Ungheria, Lettonia, Bielorussia, Olanda, Belgio, Lussemburgo, Slovenia, Francia, Spagna, Armenia, Georgia, Moldavia), USA e Cina. Attivo sia nella produzione di musica originale, che nella stesura di arrangiamenti per strumenti a fiato e percussioni, si è particolarmente distinto per progetti, produzioni e pubblicazioni che lo hanno visto a fianco dei più importanti musicisti italiani(solisti della Scala, Accademia S. Cecilia, Orchestra Rai, Wiener Philharmoniker ecc..). Fra questi spiccano le realizzazioni discografiche per la rivista musicale “Amadeus”, le registrazioni per Scomegna Ed. Musicali, i 9 CD registrati come direttore, i progetti per eventi (Suoni delle Dolomiti, Festival Musica Sacra, Simposio Internazionale di Scultura, Centenario Grande Guerra, Variegato, Festival Musica Riva, Terra Comunica, Musei Vaticani, Ministero della difesa, Innsbrucker Promenadekonzerte), le collaborazioni con i cantanti pop Goran Bregovic, Tosca, Antonella Ruggero e Simone Cristicchi, con i musicisti jazz Paolo Fresu, Andrea Tofanelli e con artisti del teatro e della letteratura quali Mario Perrotta, Paolo Rumiz, Gianmaria Aliverta, Paola Roscioli. Oltre per l’aspetto artistico, di particolare rilevanza sono stati i progetti educativi e didattici che ha curato a favore dei giovani musicisti delle bande Italiane. 

Le sue composizioni, edite da Scomegna ed. musicali (TO), sono state brano d’obbligo nei più importanti concorsi d’esecuzione europei e nazionali e sono state eseguite in tutto il mondo.
E’stato chiamato a far parte in più di 40 giurie in concorsi nazionali ed internazionali, in Italia e all’estero. E’ stato direttore ospite dell’ “Euregio Jugendblasorchester”, dell’Orchestra di fiati del Conservatorio di Trento, del wind ensemble dell’Università di Riga (Latvia), della Stanford Wind ensemble (USA), della Banda dell’Esercito Italiano, della Banda Sinfónica Conservatorio Superior de Música “Andrés de Vandelvira”de Jaén (E), della Banda Rappresentativa della Federazione dei Corpi Bandistici del Trentino, dell’Orchestra Giovanile di fiati del Lazio, della Pihalni Orkester Izola (SLO), della Taubertalerblaserochester (D) e di numerose altre orchestre Italiane ed Europee.
Nel 2019 gli è stato conferito il premio Euterpe alla musica (Reggio Calabria).

E’ direttore dell’Orchestra Fiati (e di altre formazioni) del Conservatorio in cui insegna, direttore artistico del più importante concorso italiano per strumenti a fiato “Flicorno d’oro” di Riva del Garda e del Concorso Internazionale di composizione di Allumiere (Roma). Dal 2005 è il direttore artistico del Campus “Musica Insieme” e della banda giovanile ANBIMA Friuli Venezia Giulia, nonché docente dei corsi di formazione per maestri di banda (2003). 

Sul sito www.marcosomadossi.com puoi trovare il curriculum vitae completo, discografia, composizioni, progetti e altre informazioni circa le attività svolte e future. 





 

Soscia Giuliana

Composizione Jazz
image

Giuliana Soscia, pianista, direttore d’orchestra jazz, apprezzatissima compositrice, arrangiatrice in Italia e all’ estero, menzionata accanto ai grandi nomi del jazz internazionale, nasce a Latina e si diploma in pianoforte nel 1988 con il massimo dei voti presso il Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma. Segue il corso di tirocinio con la Prof.ssa A.M.Martinelli presso il Conservatorio “O.Respighi” di Latina, d’interpretazione barocca con la clavicembalista A.M. Pernafelli e  si perfeziona in pianoforte con Sergio Cafaro, dal quale attinge e matura l’idea di completare il persorso con l’arte dell’improvvisazione e del jazz, inclusa la composizione. Intraprende subito un’intensa attività concertistica come solista e in gruppi da camera, vincendo i primi concorsi pianistici, ben presto la sua innata curiosità e vivacità la portano a conoscere ed affrontare anche altri generi musicali dalla popular music al jazz. Parallelamente all’attività pianistica classica, intraprende lo studio  della composizione jazz e della fisarmonica, successivamente consegue il Diploma Accademico di II Livello in Composizione Jazz con il massimo dei voti e la lode, presso il Conservatorio di Musica “D.Cimarosa” di Avellino, che la porteranno ad affermarsi tra i jazzisti più riconosciuti dalla critica in Italia e all’estero. 

Numerosi sono i premi e riconoscimenti nella sua carriera, per citarne alcuni: vince il primo 1°Premio Assoluto “Barga Jazz 2019” Concorso Internazionale di Arrangiamento e Composizione per Orchestra Jazz dedicato a Dave Douglas, con l’arrangiamento del brano Charms of the Night Sky, che lo stesso Douglas esegue come solista; vince il Bando pubblico “Vivere all’italiana in musica 2020“ sezione jazz presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, con il progetto da lei ideato, composto e diretto, intitolato “Belcanto & Jazz “ Giuliana Soscia 4tet meets Roberto Fabbriciani, che riprende la tradizione ottocentesca italiana di trascrivere per flauto e pianoforte le arie delle Opere più celebri, con una rivisitazione in forma moderna e originale, tramite una scrittura jazzistica contemporanea, il video live del concerto è stato pubblicato sul canale Vimeo “Italiana" del Ministero degli Affari Esteri ; le viene assegnato il trofeo “Sonerfisa” 2001 e il "Premio alla carriera 2007" nel Premio Internazionale città di Castelfidardo; il prestigioso “XXXV Premio Personalità Europea” presso il Campidoglio di Roma nel 2005; il premio della critica Orpheo Award 2018; tra i migliori fisarmonicisti italiani nel Jazzit Awards dal 2011 al 2017, anno in cui decide di interrompere la sua attività concertistica come fisarmonicista per proseguire esclusivamente come pianista, compositrice e direttore d’orchestra jazz. 

Dirige, con sue composizioni e arrangiamenti, l’Orchestra Nazionale Jazz dei Conservatori Italiani e L’Orchestra Jazz Parthenopea di Jodice/Soscia realizzando con quest’ultima anche il lavoro discografico live “Megaride” con la partecipazione straordinaria di Paolo Fresu, che ha ottenuto il sigillo di eccellenza dalla Onlus Pino Daniele. Si esibisce come solista con la Scottisch Jazz Orchestra, con l' Orchestra Jazz del Parco della Musica di Roma, con la Salerno Jazz Orchestra, con l' Orchestra d’Archi Milano Classica, Orchestra d’Archi Tartini e con i suoi progetti nei più importanti Festival jazz e Teatri al mondo (Italia, Vietnam, India, Francia, Brasile, Perù, Etiopia, Turchia, Regno Unito), comprese Televisioni, Radio nazionali ed estere: Teatro San Carlo di Napoli, Teatro dell’Opera di Hanoi, Teatro dell’Opera di Ankara, Qeen’s Hall di Edinburgh, RSAMD di Glasgow, Mac Robert Art Centre di Stirling, il Byre Theatre di St. Andrews, Sesc Campinas e Sesc Ipiranga Saõ Paulo, Teatro Pirandello di Lima, ICPNA Lima Jazz Festival, Auditorium Parco della Musica di Roma, Experimental Theatre dell’NCPA Mumbai, GD Birla Sabhaggar Kolkata, Civil Services Officer’s Institute New Delhi, ”The India Council for Cultural Relations” di Kolkata,“India Habitat Centre, Stein Auditorium” di New Delhi e nell’ambito del Festival “16th East West Music & Dance Encounters of Bangalore, Teatro Menotti di Spoleto 65° Coupe Mondial Accordeon, Roccella Jazz Festival, Casa del Jazz di Roma, Teatro Verdi di Trieste, Dean Benedetti Jazz Festival con la Fondazione Festival Pucciniano, IIC di Addis Abeba, Marsiglia per Suona Italiano in Francia 2011 e 2013, IIC di Marsiglia, EJE European Jazz Festival di Cagliari, Lucca Jazz Donna, Festival Pontino e tanti altri. 

Realizza numerosi lavori discografici a suo nome con importanti etichette: la Universal Music, BAM Internazional, Alfamusic, Splasc(h), Wide, Alman Music, ecc. Realizza con  il “Giuliana Soscia & Pino Jodice 4tet”, ricevendo eccellenti recensioni dalla critica sia come solista che come compositrice e arrangiatrice, i seguenti album : “Latitango”, “Antiche Pietre”, “Il Tango da Napoli a Buenos Aires”, “Contemporary” ,  “Il Viaggio di Sindbad”, “Sonata per luna crescente”, “Stabat Mater in jazz”, “Lucca Jazz Donna Vol. 1”, “North Wind” feat. Tommy Smith. Nel 2018 realizza l’ album dal titolo “Giuliana Soscia Indo Jazz Project”, con il suo progetto compositivo per l’ensemble di musicisti italiani e indiani, con il quale ha l’onore di aprire nel febbraio 2018 le Celebrazioni dei 70 anni di Relazioni Diplomatiche tra Italia e India, con un tour nei più importanti teatri dell’ India, promosso dall’Ambasciata d’Italia in India, con grande consenso di pubblico e critica, definito dal  The Times Of India “The perfect blend oj music & culture”. Subito dopo il tour indiano si esibisce per le Celebrazioni dei 70 anni di Relazioni diplomatiche India e Italia, presso l’Auditorium Parco della Musica, concerto promosso dall’Ambasciata della Repubblica dell’India a Roma e ISMEO, poi nell’ambito del 54° Festival Pontino di Musica e l’Università della Tuscia. Affascianata dalla cultura musicale indiana è quindi ideatrice di un progetto didattico e divulgativo, che presenta con una Masterclass e Concerto, tenutosi nel settebre 2019, presso il Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” di Roma dal intitolo  “L’ Arte dell’ Improvvisazione da Oriente ad Occidente. Incredible India – The Land of Gandhi:  Giuliana Soscia Indo Jazz Project”, con il sostegno del Progetto MIUR “Studi e ricerche sulle culture dell’Asia e dell’Africa” e  ISMEO – Associazione Internazionale di Studi sul Mediterraneo, iniziativa che promuove il dialogo culturale tra la musica indiana e la musica occidentale. Presenta successivamente anche presso  il Conservatorio “G.Verdi” di Milano “L’ Arte dell’ Improvvisazione da Oriente ad Occidente - Giuliana Soscia Indo Jazz Project” sotto forma di Laboratorio e Concerto finale.

Impegnata da anni nella divulgazione della composizione jazz al femminile e soprattutto il ruolo della Donna nel jazz, con il progetto “Sophisticated Ladies - A tribute to Women Composers in Jazz” si esibisce presso la rassegna Donne in Jazz 2014 per la fondazione Adkins Chiti, in un prestigioso Tour in India per la Festa della Donna 2016, nella rassegna Midjane presso la Casa del Jazz di Roma, per Roma Jazz Festival presso la Casa Internazionale delle Donne, Lucca Jazz Donna, Musica sulle Bocche 2020.

Vanta pestigiose collaborazioni con Dave Douglas, Paolo Fresu, Tommy Smith, Roberto De Simone, Pino Jodice, Raed Khoshaba, Maurizio Giammarco, Quyen Thien Dac, Giancarlo Schiaffini, Paolo Damiani, Enzo Favata, Sainkho Namtchylak, Javier Girotto, Luis Bakalov, Ada Montellanico, Roberto Fabbriciani, Mario Marzi, Daniele Roccato,  Attilio Zanchi, Achille Succi, Michelangelo Carbonara, ecc.

 Svolge da sempre attività didattica con Masterclass nei Conservatori presso i Conservatori “Santa Cecilia” di Roma, “G.Verdi di Milano”, “Nacional de Musica” di Lima, “D.Cimarosa”di Avellino, “Venosa” di Potenza. Ha svolto anche una importantissima attività divulgativa in qualità di musicista e conduttrice televisiva di rubriche inerenti la musica nei programmi “UnoMattina” su RAI UNO e su RAI DUE dal 2000 al 2008. Attualmente è docente di Composizione Jazz presso il Conservatorio "J.Tomadini" di Udine e docente esterna presso il Conservatorio "G.Verdi" di Milano con il suo Laboratorio “L’ Arte dell’Improvvisazione da Oriente ad Occidente - Giuliana Soscia Indo Jazz Project”.

Tassini Patrizia

Arpa
image

Si è diplomata a pieni voti e lode presso il Conservatorio “G. Tartini” di Trieste sotto la guida di Evelina Vio. Successivamente si è perfezionata in Francia al Conservatoire National Supérieur de Lion, in Italia e negli USA dove ha ottenuto il Master Degree in Performance and Literature ed il Performance Certificate presso l’Eastman School of Music,University of Rochester (N.Y.).

Vincitrice di vari concorsi nazionali ed internazionali, nel 1982 ha ottenuto il II premio al prestigioso Concorso in Israele. Nel 1984 ha vinto il Concerto Competition “Lily Laskine” negli USA.

Vasta è la produzione radiofonica per la RAI e Radio France.

Collabora con i flautisti Giorgio Marcossi, Massimo Mercelli, Maxence Larrieu e con le orchestre:I solisti di Salisburgo, la Kammerorchester di Mainz e l’orchestra della Radio e Televisione Serba.

Ha fatto parte della giuria del Concorso Internazionale d’Israele , del Concorso “Martine Geliot” di Lille e del Prix al Conservatoire National Supérieur di Parigi. Dal 2002 risulta nel Board of Directors del World Harp Congress.

Attualmente è titolare di cattedra d’arpa presso il Conservatorio “J. Tomadini” di Udine.

Teodoro Carlo

Musica da Camera, Violoncello
image

CARLO TEODORO VIOLONCELLISTA nato a Venezia, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio della sua città nella classe di Adriano Vendramelli, diplomandosi con il massimo dei voti e la lode.

Successivamente si è perfezionato con Michael Flaksman conseguendo prima il diploma superiore in violoncello (Aufbaustudium I) presso l’Hochschule di Stoccarda e in seguito il Konzertexamen (AufbaustudiumII) presso l’Hochschule di Mannheim.

Ha seguito inoltre i Master Class di Rocco Filippini, Natalia Gutman e Daniel Schafran.

Per la Musica da Camera si è diplomato al corso biennale di alto perfezionamento tenuto dal Trio di Trieste presso la Scuola Superiore di Musica da Camera del Collegio del Mondo Unito di Duino TS.

È stato primo violoncello dell’Orchestra del Teatro Comunale di Treviso e dell’Orchestra Filarmonica di Udine ed ha ottenuto l’idoneità per lo stesso ruolo partecipando ai concorsi internazionali indetti dai Teatri La Fenice di Venezia e Verdi di Trieste.

Ha collaborato inoltre con prestigiosi complessi cameristici tra cui I Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone, I Solisti Filarmonici Italiani, l’Orchestra della Radio della Svizzera Italiana.

Attualmente in Trio con il violinista Stefano Zanchetta ed il pianista Massimo Somenzi.

Violoncellista dell’Ex Novo Ensemble di Venezia svolge un’intensa attività concertistica esibendosi nell’ambito di prestigiose rassegne concertistiche e Festivals in tutto il mondo tra cui: Festival di Huddersfield, Autunno Musicale di Varsavia, Tage für neue Musik Zürich, Fondazione Gaudeamus - Amsterdam, Festival d’Avignon, Ars Musica di Bruxelles, La Biennale di Venezia, Settembre Musica Torino, Festival di Salisburgo, Settimane musicali di Stresa, Großer Musikvereinsaal di Vienna, Opera di Montecarlo, Seoul Arts Center, Avery Fisher Hall (Lincoln Center di New York, sala concerti Conservatorio di Mosca, Dresdner Musikfestespiele, Akademie der Künste Berlino, Teatro Colon di Buenos Aires, Tokyo Opera city Takemitsu Memorial, Sapporo Concert Hall Kjtara, Osaka Izumi Hall.

Nel 2005 il compositore Luca Mosca gli ha dedicato la sua IV Sinfonia Concertante per violoncello contrabbasso e archi nella recensione della prima esecuzione assoluta il critico Mario Messinis ha scritto: …. L’esecuzione è inappuntabile, Andrea Pestalozza entra nei meandri del comporre di Mosca e l’orchestra lo segue con precisa incisività. Superlativo il violoncellista Carlo Teodoro negli intricati decorsi strumentali: la musica contemporanea esige quell’impegno di concentrazione e quello studio rigoroso riscontrati l’altra sera. Questa partitura ancor fresca d’inchiostro ha suscitato caldissimi consensi: merito della qualità comunicativa dell’opera e dell’esecuzione. Mario Messinis il Gazzettino 20 dicembre 2005

È stato premiato in vari concorsi internazionali di Musica da Camera tra cui Trapani, Stresa, Casale Monferrato.

Ha registrato per le principali radio europee e inciso la prima registrazione mondiale di: Kleine Suite für Cello e Klavier op.23 di Ferruccio Busoni (CD Dynamic), del Largo in sol min. di Gaetano Donizetti (CD Giulia), ha inoltre inciso importanti composizioni dell’Ottocento strumentale italiano come Une Larme, Thème et Variations per violoncello e pianoforte di G. Rossini (CD Arts) e la Romanza op. 23 per violoncello e pianoforte di Giovanni Sgambati (CD ASV) altre produzioni di Musica da Camera sono state curate per case discografiche come Ricordi (monografico di G. F. Malipiero), Rivo Alto (Gran Quintetto per archi di G. Bottesini, sonate a quattro di G. Rossini) AS disc (Kammersymphonie op. 9 di A. Schönberg versione per quintetto di A. Webern), Stradivarius (Trio di I. Pizzetti, Serenata di A. Casella Quartetto per archi di B. Maderna), Giulia, Dynamic (Quintetti per pianoforte e Archi di G. Martucci, E. Wolf Ferrari, O. Respighi, F. Busoni), ASV (integrale musica da camera per archi e pianoforte di G. Sgambati e quartetto per archi di N. Rota, Trio Sonata di A. Casella), Edipan, Velut-Luna e Denon, di prossima uscita la Sequenza XIV per violoncello solo di L. Berio (Black Box di ASV).

Attualmente è docente di Musica da Camera e violoncello nel Biennio Superiore Specialistico presso il Conservatorio J. Tomadini di Udine.

Teodoro Davide

Clarinetto
image

DAVIDE TEODORO, clarinettista. Diploma a Venezia con Giovanni Bacchi. Perfezionamento per la musica da camera con il Trio di Trieste. Premiato nei Concorsi Internazionali di Musica da Camera di Trapani, Caltanissetta, Stresa. È attualmente docente di clarinetto al Conservatorio di Udine.

Ha collaborato con prestigiosi direttori quali: Diego Masson e Ed Spanjaard.

Ha registrato numerosi lavori per le principali radio europee (Lachenmann: Dal niente, Radio Belga RBFT; Bettinelli: Studio da concerto, Radiotre RAI; Donatoni Spice BBC ecc.) e inciso la prima registrazione mondiale del Solo Dramatique e della Suite per clarinetto e pianoforte di Busoni (CD Dynamic). Ha inoltre inciso importanti composizioni dell’Ottocento strumentale italiano come la Fantasia per clarinetto e pianoforte di Rossini (CD Arts) e lo Studio per clarinetto solo di Donizetti (CD Giulia) e infine per l’etichetta inglese “black box” la Sequenza IX e il Lied per clarinetto solo di Luciano Berio. Altre importanti produzioni sono state incise per Ricordi, Stradivarius, ASV Records, Edipan, ASdisc, Velut Luna.

È uno dei fondatori dell’Ex Novo Ensemble, gruppo cameristico con il quale dal 1979 svolge un’intensa attività concertistica nei principali Festival europei. Tra questi ricordiamo: Contemporary music Festival, Huddersfield-Gran Bretagna; Time of Music, Viitasaari-Finlandia; Festival de Strasbourg; Eco e Narciso, Bologna; Concerts Ville de Genève; Tage für neue Musik, Zürich; Biennale di Venezia; RomaEuropa, Villa Medici; Autunno di Varsavia; Akademie der Künste, Berlin; Fondazione Gaudeamus, Amsterdam; Musica nel nostro tempo, Milano; Festival d’Avignon; Ars Musica, Bruxelles; Auditorium Nacional, Madrid; IGNM, Basel; Le Presents musical, Orleans; Festival Pontino; Di Nuovo Musica, Reggio Emilia; Festival delle Nazioni, Città di Castello; Festival di musica sacra Anima Mundi, Pisa; Accademia Filarmonica Romana; Settembre Musica, Torino; Aujourd’hui Musique, Perpignan; Festival “Gustav Mahler”, Dobbiaco; e alle stagioni dei Münchener Philarmoniker, del Mozarteum Salzburg, dei Concerti al Quirinale di Radio3, della Società Veneziana di Concerti, del Teatro San Carlo di Napoli, del Teatro Politeama di Palermo, del Teatro Verdi di Trieste, della Sociedad Filarmonica di Valencia, della RAI di Roma e di Milano, della Kaufmann Concert Hall di New York e del Chicago Center of Arts.

Urbani Silvia

Storia della Musica

Venier Glauco

Musica d'Insieme Jazz
image

Nato a Sedegliano (Udine) l'8 settembre 1962. Si diploma in organo nel 1985 presso il Conservatorio di Udine.

Si avvicina al jazz come autodidatta e si perfeziona in seguito per un breve periodo a Milano con il M° Franco D'Andrea.

Nel 1990 registra il suo primo cd per piano solo intitolato "Finlandia" che viene accolto positivamente dalla critica, distribuito sul territorio mondiale e attualmente di proprietà della Walt Disney International Productions.

Nel 1991 in qualità di borsista studia per due semestri presso il Beerklee College of Music di Boston sotto la guida dei Maestri Ray Santisi, Hal Crook , George Garzone ed Herb Pomeroy.

Semifinalista, finalista e vincitore di vari concorsi internazionali, nella sua modesta carriera ha avuto l'onore e la fortuna di collaborare con vari solisti di fama mondiale tra cui possiamo citare:Toots Thielemans, Lee Konitz, Kenny Wheeler, Steve Swallow, Joey Baron, Marc Johnson, Charlie Mariano, Adam Nussbaum, Michael Gibbs, Cuong Vu, Matt Garrison, Bruno Castellucci, Uli Beckerhoff, Matthias Nadolny, Peter O'Mara, David Liebman, Abe Laboriel Jr, Chriss Speed, Michel Godard, Nguyen Le, Martin France, Enrico Rava, Paolo Fresu, Trevor Watts, Stan Sulzman, Diana Torto, Maria Pia De Vito, Flavio Boltro, Bob Stoloff, Christian Muthspiel, Gerrod Cagween, Gabriele Mirabassi , Wolfgang Pushnig, Anders Jormin ed altri.

Ha tenuto concerti in Germania ,Svizzera, Francia, Spagna, Portogallo,Lussemburgo, Inghilterra, Estonia, Finlandia, Olanda, Slovenia, Croazia, Serbia, Russia, Stati Uniti D'America, Repubblica Ceca, Austria, Polonia, Canada, Belgio, Ungheria, Norvegia e Svezia.

Ha effettuato registrazioni per la RAI italiana, ORF austriaca, WDR tedesca, BBC inglese ed altre emittenti minori negli Stati Uniti e Russia.

Ha registrato a suo nome 12 dischi e come sideman circa trenta.

Ha effettuato registrazioni per la Universal, Schott e altre etichette minori.

Nel marzo 2008 è uscito un cd intitolato "Distances" registrato con la cantante londinese Norma Winstone ed il sassofonista tedesco Klaus Gesing prodotto dalla prestigiosa etichetta di Monaco E.C.M.

Nel 2009 lo stesso cd ha avuto la nomination ai Grammy Awards nella categoria vocal jazz.

Dal Novembre 2009 è docente di jazz presso il Conservatorio J. Tomadini di Udine e tiene Master in Italia, Germania e Svizzera.

Nel 2010 uscirà il secondo disco prodotto dalla E.C.M. del trio con Winstone e Gesing.

Venturi Daniele

Teoria dell'armonia e analisi

Vinciguerra Vittoriano

Teoria, ritmica e percezione musicale

Viola Stefano

Chitarra
image

Nato nel 1960 da genitori musicisti riceve i primi insegnamenti proprio dal padre che lo avvia allo studio della chitarra all’età di dodici anni dopo precedenti esperienze con la fisarmonica ed il pianoforte. L’incontro con le sei corde è folgorante e porta, a soli diciotto anni, al diploma di conservatorio con il massimo dei voti e la lode.

Dopo il diploma studia per quattro anni a Milano con Ruggero Chiesa e partecipa come allievo effettivo ai corsi di alto perfezionamento tenuti da Oscar Ghiglia a Gargnano e all’Accademia Musicale Chigiana di Siena.

Ha svolto attività concertistica in Italia e all’estero come solista e in formazioni cameristiche risultando vincitore di prestigiosi concorsi nazionali e internazionali (Trieste,”Nicola Fago” di Taranto, “Fernando Sor” di Roma, “Città di Alessandria”, “Mauro Giuliani” di Bari) nonché finalista al concorso internazionale “Andres Segovia” di Palma de Majorca.

Molto intensa e precoce anche l’attività didattica che lo ha portato ad insegnare nei Conservatori Statali di Musica di Venezia, Trieste, Rovigo, Perugia, Modena, Bologna, Bari, Castelfranco Veneto (TV).  Attualmente, è direttore artistico del Centro chitarristico "EL MAESTRO" di Treviso www.elmaestro.it

Dal 2006 è titolare della cattedra di chitarra al Conservatorio Statale di Musica "Jacopo Tomadini di Udine.

Sono oltre 250 i premi vinti da suoi studenti nei più importanti concorsi nazionali ed internazionali: tra questi figurano i “Primi Premi” ai Concorsi “Fernando Sor” di Roma, “Pittaluga” di Alessandria”, “Julian Arcas” di Almeria (Spagna), “Francisco Tàrrega”di Benicasim (Spagna),”Castelnuovo-Tedesco” di Parma, “Benvenuto Terzi” di Bergamo, “Enrico Mercatali” di Gorizia, “Rospigliosi” di Lamporecchio, Sernancelhe (Portogallo), "Miguel Llobet" di Barcellona (Spagna); questi risultati ne fanno uno degli insegnanti di Conservatorio più autorevoli delle ultime generazioni e regolarmente invitato a far parte delle giurie dei più importanti Concorsi Internazionali di chitarra.

È impegnato da vari anni in un approfondimento continuo di tutti gli aspetti tecnico-meccanici riguardanti il rapporto con lo strumento e in virtù di queste ricerche è invitato a tenere conferenze, seminari e Master-Class in vari Festival Chitarristici in Italia, Slovenja, Croazia, Repubblica Ceka, Messico, Austria, Spagna, Polonia e Ukraina. Alcuni suoi scritti sull’argomento sono stati pubblicati dalla autorevole rivista “Il Fronimo” di Milano.

Ha elaborato e coordinato, con il sostegno economico della Regione Friuli Venezia Giulia, un importante progetto di ricerca dal titolo “Analisi posturale biomeccanica-funzionale del musicista” che ha visto coinvolti il Conservatorio e l’Università di Udine (Facoltà di Scienze Motorie), progetto che si è concluso con la realizzazione di un DVD che, recentemente, si trova allegato ad un interessante volume sull'argomento dal titolo "Manuale per l'analisi metodologica nella didattica chitarristica di base e guida all'analisi posturale" pubblicato da "Guitart".

Ha pubblicato due volumi di Tecnica chitarristica (Le Scale, Le Legature) e collaborato alla revisione di due raccolte di studi di Sor e Giuliani, editi da Edizioni Musicali Sinfonica.

È risultato vincitore nel 2007, 2009, 2010 e 2014 del “Premio Rospigliosi per la Didattica”.

Il Comitato Scientifico del XXV Convegno Internazionale di chitarra gli ha conferito la Chitarra d'oro 2020 per la didattica.