NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

a cura del Prof. David Giovanni Leonardi (docente di Storia ed Estetica Musicale)

 

22 aprile 2017

Le scuole di Organo e Composizione Organistica dei Conservatori di Brescia e Udine collaborano a un rilevante progetto di scambio culturale; i primi due concerti a Udine e Venzone

Costituiranno parte di un articolato progetto di collaborazione e scambio culturale tra i Conservatori di Musica “L. Marenzio” di Brescia e “J. Tomadini” di Udine i due concerti organistici programmati per mercoledì e giovedì prossimi a Udine e Venzone, protagonisti quattro allievi dei docenti del “Marenzio” Giorgio Benati e Pietro Pasquini, quest’ultimo già titolare di cattedra per un lungo periodo a Udine. Il primo concerto avrà luogo mercoledì 26 aprile alle ore 18.00 all’organo Mascioni-Zanin del Conservatorio di Udine con un programma interamente dedicato dagli studenti Luciano Carbone e Paolo Bonomi a Johann Sebastian Bach (Dorische Toccata BWV 538, Concerto in la minore da Vivaldi BWV 593, Preludio al Corale «Allein Gott in der Höh sei Ehr» da Dritter Teil der Klavierübung, Preludio e Fuga BWV 532) e Franz Liszt (Fantasie und Fuge über den Choral «Ad nos, ad salutarem undam»). Il secondo concerto è previsto per la sera successiva, giovedì 27 aprile alle ore 20.30 presso il Duomo di Venzone, al cui organo siederanno Alexandra Filatova e Giovanni Mandonico, interpreti di un vasto programma comprendente alcuni tra i più importanti autori per organo del Seicento e del Settecento italiano, austro-tedesco, fiammingo, francese, inglese e spagnolo: Jan Pieterzoon Sweelinck (Fantasia cromatica), William Byrd (Fantasia), Michelangelo Rossi (Toccata VII), Wolfgang Amadeus Mozart (Andante KV 616) Carl Philipp Emanuel Bach (Sonata in sol maggiore), Paolo Bruna (Tiento de 2° Tono por Ge-sol-re-ut sobre la letanìa de la Virgen), Bernardo Storace (Passagagli sopra F fa ut per b), Arcangelo Corelli (Concerto grosso n. 3, trascrizione Th. Billington) e infine Claude Balbastre (Cannonade). In occasione del viaggio di studio, il gruppo ospite proveniente da Brescia compirà una visita agli organi storici del Friuli e al laboratorio della ditta “Zanin” di Codroipo, mentre nei giorni 2 e 3 maggio prossimi gli allievi organisti del Conservatorio di Udine terranno due concerti presso la Sala Bazzini del Conservatorio “Marenzio” e la Chiesa dei Santi Nazario e Celso di Brescia, visitando altresì gli organi storici della Lombardia. Il progetto, ideato e coordinato dal prof. Beppino Delle Vedove, si avvale della collaborazione dell’Accademia Organistica Udinese ed è inserito nel cartellone di aprile dei “Concerti e Conferenze del Conservatorio di Udine”, realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Udine e Fondazione Friuli.

 

18 aprile 2017

I giovani chitarristi del “Tomadini” costantemente ai vertici dei concorsi di esecuzione musicale

Gli studenti di chitarra del prof. Stefano Viola presso il Conservatorio di Udine si posizionano da sempre ai vertici dei più prestigiosi concorsi chitarristici nazionali e internazionali; le più note e selettive competizioni recentemente svoltesi in Italia e Slovenia hanno confermato il valore, ampiamente riconosciuto a livello mondiale, della classe udinese. Fabio Corsi ha conseguito il primo premio nella cat. E (senza limiti di età) nel corso della ventitreesima edizione del Concorso Chitarristico Nazionale “Giulio Rospigliosi” di Lamporecchio (PT) e il secondo premio al Concorso Chitarristico Internazionale “Alvaro Mantovani” di Follonica (GR), misurandosi con pluripremiati conocorrenti provenienti da Italia, Romania, Ukraina, Stati Uniti, Giappone, Francia, Paraguay, Spagna e Messico. Nina Havelková ha parimenti conseguito l’ambìto primo premio della categoria H (fino a 23 anni) in occasione della nona edizione del Concorso Musicale Internazionale “SVIREL” in Slovenia, mentre il duo flauto-chitarra formato da Giorgia Poti e Marco Di Lena ha ottenuto il terzo premio, nella categoria dedicata alla musica da camera senza limiti di età, nel corso della nona edizione del Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale “Giovani musicisti” Città di Treviso.

8 aprile 2017

“Competenze e prospettive del musicista moderno”, un seminario in programma martedì prossimo al “Tomadini”

Avrà inizio alle ore 11 di martedì prossimo, 11 aprile, nella sede del Conservatorio di Udine, un appuntamento inconsueto e di stimolante attualità nell’ambito della programmazione culturale e artistica del “Tomadini”, un seminario dedicato a “Competenze e prospettive del musicista moderno”, volto a fornire una completa panoramica di informazioni utili alla progettazione di una carriera artistica, alla strutturazione dell’attività e alla comunicazione attraverso i Media, il Web e i Social. I sei illustri ospiti convenuti proporranno relazioni dedicate alla loro esperienza di specialisti in diritto del lavoro, docenti, musicisti, musicologi, critici musicali, ideatori e coordinatori di eventi culturali: Giuseppe Casale (Musica, diritti e lavoro in Europa), Virginio Zoccatelli (Le accademie oggi tra formazione e mercato del lavoro), Domenico Balzani (Il musicista manager di se stesso), Franco Calabretto (La programmazione artistica), Antonio Tasca (Dal palcoscenico al management) e Alessio Screm (Comunicare e promuovere: mezzi e strategie). Il seminario è inserito nel cartellone di aprile dei “Concerti e Conferenze del Conservatorio di Udine”, realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Udine e Fondazione Friuli.